Ad Menu

Lyx

Lyx:


Lyx appartiene alla categoria dei “document processor”, che si differenziano dai “word processor”, perché sono pensati con il preciso scopo di rappresentare, sostenere e realizzare l’insieme di processi di scrittura di testi la cui struttura (Layout, nel linguaggio del programma) sia in ampia misura condivisa ed esplicita e, soprattutto, sia in qualche modo scomponibile “a priori” in componenti logico-testuali alle quali siano assegnabili caratteristiche tipografiche e visive univoche.
Via via che il documento verrà strutturato e steso, poi, i suoi diversi elementi costitutivi diverranno addirittura “navigabili” attraverso un apposito menu.
Lyx è stato concepito per rispondere alle esigenze di chi deve scrivere documentazioni di carattere matematico e scientifico, ma le sue funzionalità sono state rapidamente estese ad altri tipi di testi.
Per questo motivo, se utilizzato per le sue valenze cognitive, può avere un impiego didattico decisamente ampio e proficuo, come ambiente con il quale avviare e percorrere un itinerario consapevole di progettazione, impostazione ed organizzazione logica e concettuale di testi di vario tipo.
Il programma, in sintesi, obbedisce a “regole” di strutturazione e di composizione, che variano al variare del testo che si sceglie di scrivere; a ciascuno dei testi che Lyx ci aiuterà a realizzare è infatti assegnabile a priori una precisa e netta identità formale.
Imparare a utilizzarlo,soprattutto inizialmente come strumento di orientamento e di analisi delle identità testuali, delle strutture e delle loro componenti,Lyx è quindi adatto soprattutto alla scuola superiore.
Per altro, il programma è disponibile per Windows, Macintosh e Linux, è open source e può quindi essere distribuito agli studenti in modo del tutto libero.
Vediamo ora le sue caratteristiche operative fondamentali.
Ho accennato prima al Layout: accedendo alle sue funzioni è possibile impostare lo stile complessivo di Lyx per comporre diversi tipi di articolo e di libro, rapporti, relazioni, memo, lettere, ma anche diapositive da presentare in pubblico.
A seconda dello stile scelto, avremo impostato una diversa struttura di massima del documento.
Sarà ad esempio possibile una suddivisione in capitoli, oppure potremo dividere il nostro lavoro soltanto in sezioni, oppure ancora non sarà previsto che effettuiamo suddivisioni.
Le scelte di impostazione iniziale avranno effetti immediati e visibili anche mentre scriveremo il documento.
Nella gran parte dei casi, per esempio, la prima riga sarà il titolo del nostro lavoro, e come tale avrà caratteristiche tipografiche precise, che la differenzieranno in modo molto preciso da quanto seguirà, per cui nella maggioranza dei casi saranno adatte quelle standard, associate al flusso di base del testo che andiamo a comporre.
Facciamo ora l’ipotesi di aver scelto di scrivere un articolo: per la sua composizione avremo a disposizione i seguenti elementi costitutivi potenziali, le cui caratteristiche possono entrare in gioco in due modi, o selezionandole prima di scrivere una certa parte del testo o assegnandole a posteriori ad una porzione selezionata:
  • editore;
  • soggetto;
  • abstract;
  • indirizzo;
  • dedica
  • parte;
  • capitolo;
  • sezione, sottosezione, sottosottosezione;
  • descrizione;
  • etichettatura;
  • paragrafo, sottoparagrafo;
  • elencazione, puntata e numerata;
  • intestazione;
  • commento;
  • citazione;
  • vari tipi di titolazione.
Il programma fornisce anche alcuni template (Layout e strutture di riferimento), utilizzabili per adeguare in modo molto preciso il proprio lavoro ad un modello predefinito: per esempio, chi vuole scrivere un articolo secondo le impostazioni della comunità di Linux può scegliere il template linuxdoc_article, ma troviamo anche modelli per le diapositive elettroniche o per contributi scientifici agli atti a stampa di un convegno.
Questo archivio, magari tradotto tutto o in parte, può anche essere utilizzato dagli insegnanti per esemplificare e spiegare l’architettura del programma e può poi via via essere arricchito di modelli eventualmente prodotti dal gruppo classe.


LyX è un documento con tutte le funzioni del processore.
Qui sono alcune delle caratteristiche, classificati per categoria.

Matematica / scienza caratteristiche(demo clip ):
http://wiki.lyx.org/uploads/LyX/Screencasts/LyXIntroPalette.htm
  • Formula matematica autentiche. Imbracature pienamente la potenza di LaTeX.
  • Equazioni possono essere inseriti tramite il punto-e-scatto o tramite tastiera con comandi LaTeX (opzionalmente via di completamento automatico). Formule sono immediatamente resi visivamente sullo schermo.
  • Copia / incolla da e per il codice sorgente LaTeX.
  • Equazioni array, l'equazioni di numerazione, teoremi,macro matematiche personalizzabili, matrici, algoritmi, e molto altro ancora.
  • Supporto di matematica macro.
La creazione di documenti strutturati:
  • Le funzioni avanzate per le etichette, i riferimenti, indice e bibliografia (compresi sostegno avanzato BibTeX ).
  • Operazioni standard word processor , come il taglia / incolla, più documenti aperti, undo / redo, controllo ortografico (usa aspell in background), thesaurus di monitoraggio e revisione.
  • Diversi textclasses consente di digitare le lettere, articoli, libri, film script, LinuxDoc, diapositive, presentazioni. Sono inclusi anche alcuni textclasses di società scientifiche, come AMS, SPA, IEEE, o riviste specifiche come l'astronomia e astrofisica.
  • Moduli dedicati ti permettono di migliorare dinamicamente la funzionalità del textclass con l'aggiunta di funzioni che sono necessarie per compiti specifici (come chiusura, linguistica e glossario).
  • Sezione rubriche numerata, tabella dei contenuti (con funzionalità di ipertesto), gli elenchi dei dati / tabelle.
  • La outliner modalità che consente una facile navigazione all'interno del documento così come per lo spostamento o la nidificazione completa capitoli e sezioni.
  • Fornisce l'accesso a stili completamente semantici di markup del carattere
Grafica / tabelle:
  • Supporto per molti formati grafici (tra cui XFig, Dia e altri).
  • WYSIWYG per il ritaglio, rotazione, ridimensionamento delle immagini.
  • Supporto migliorato per l'intelligenza galleggiante di cifre e tabelle.
  • Supporto per subfigures, subtables e didascalie.
  • Supporto avvolto per cifre e tabelle.
  • Interactive WYSIWYG tabelle.
  • Condivisione geometrica,con impostazioni di più figure.
Internazionalizzazione:
  • Supporto per la scrittura di documenti in molte lingue del mondo.
  • Supporto per bidi-Destra-Sinistra per le lingue come l'ebraico e arabo.
  • Supporto per molti sistemi di scrittura (compresi CJK).
  • Scrivere documenti multilingue composto di diverse lingue e script grazie al rispetto unicode.
  • I menu, i messaggi di errore, manuali e comandi da tastiera sono disponibili in molte lingue.
Formati di documento:
  • Accesso a tutte le funzionalità di LaTeX con possibilità di inserire codice LaTeX nativo ovunque in un documento.
  • Importazione e l'esportazione in vari formati (LaTeX, PDF, Postscript, DVI, ASCII, HTML, OpenDocument, RTF, MS Word, e altri) grazie ai convertitori configurabili.
  • Inviare un fax da LyX.
  • Immediata visualizzatore LaTeX per Il codice sorgente e per la visualizzazione DocBook.
  • Sostegno SGML-tools (DocBook DTD) Literate.
  • Supporto alla programmazione, attraverso lo strumento "noweb".
  • Supporto per l'esportazione di PDF,PS,EPS; segnalibri e informazioni.
Usabilità / interfaccia utente:
  • Interfaccia utente grafica che consente di accedere a tutte le funzioni tramite menu e del mouse, così come i comandi da tastiera configurabili.
  • Ampia documentazione, compreso un tutorial per principianti, disponibile in molte lingue.
  • Autocompletamento di test a sostegno dell´operatore.
Gestione dei documenti:
  • Cambia il monitoraggio.
  • Supporto per i sistemi di controllo di subversion esterne.
  • Rami per avere diverse versioni dello stesso documento.
  • Note appiccicose gialle.
Ulteriori:
  • Disponibile per Linux, Windows e Mac.
  • Molto veloce e uso di poca memoria.

Lyx è nei repository e lo potete installare da sinaptyc con le relative dipendeze in automatico.

Documentazione in Italiano:
http://www.almack.ch/filebrowser/Doc/LyX/it

Share/Bookmark
Stampa il Post - Print this Post

Comments :

0 commenti to “ Lyx ”
Related Posts with Thumbnails